EURASIER

Oggi parliamo di una razza canina poco conosciuta, originaria della Germania, e appartenente al gruppo 5 degli Spitz.

Questa razza canina è nata per volontà del famoso etologo Konrad Lorenz che ha cercato di ricostruire un cane antichissimo, il Laika di Nenets, estinto da tempo. Questo antico cane russo era il risultato di un incrocio tra uno Spitz tedesco e il Chow chow e viveva allo stato selvatico. La selezione di Lorenz è stata svolta negli anni cinquanta con il patrocinio dell’Università di Gottinga e dell’istituto Max Planck di Heidelberg. Nel 1973 l’Eurasier è stato riconosciuto dalla FCI e si è diffuso in Germania, Austria, Olanda, Belgio, Svizzera e Spagna. La sua diffusione, purtroppo, è sempre stata assai limitata. È praticamente sconosciuto in Italia eppure è l’ideale per chi ama l’aspetto fisico del Chow chow ma vorrebbe un cane più espansivo.

L’Eurasier è un cane di taglia media a pelo lungo. La testa ha una forte rassomiglianza con quella dell’antenato lupo con orecchie erette, occhi scuri di forma leggermente a mandorla. Gli arti sono di buona ossatura, in perfetto appiombo. La coda è pendente nel cane a riposo ma viene portata arrotolata sul dorso in azione. Il colore del mantello va dal rosso fino al sabbia o al giallo chiaro, grigio-nero e nero con tracce più chiare delimitate. I maschi arrivano a misurare fino a 52-60 cm al garrese con un peso di 25-30 kg mentre le femmine misurano 48-56 cm per un peso di 20-26 kg.

L’Eurasier da cucciolo è molto allegro e giocherellone mentre da adulto acquista una certa riservatezza. Nonostante questo socializza facilmente sia con le persone che con gli altri animali. Come ogni Spitz è piuttosto indipendente, anche se meno del Chow chow. Nato come cane da compagnia, l’Eurasier ha una buona attitudine alla guardia ma abbaia solo in caso di vera necessità. Molto dolce e affettuoso e legato alla sua famiglia, buono con i bambini.

Le patologie che possono colpire il vostro Eurasier sono poche e poco comuni ma tra queste possiamo trovare la displasia di anca e gomito e patologie oculari.

Per qualsiasi informazione non esitate a contattarci.

Leave a Comment